i passi
RIABILITAZIONE VISIVA

Si articola in varie fasi.

· La prima è l'identificazione del soggetto ipovedente, che deve avvenire il più precocemente possibile ai fini della maggiore efficacia dell'azione di riabilitazione.
· La seconda è la struttura medica, essenziale per la diagnosi, il trattamento medico o chirurgico.
· La terza è il centro di ipovisione dove il paziente viene studiato, vengono prescritti gli ausili ottici e, soprattutto, viene eseguito un addestramento pratico.
· La quarta prevede l'analisi delle variabili ambientali e comportamentali.
· Il quinto ed ultimo è il cosiddetto follow-up, ossia il protocollo delle azioni e dei tempi necessari per realizzare una vera riabilitazione, specie nelle forme progressive.

GLI OPERATORI DELLA RIABILITAZIONE VISIVA

Uno dei pilastri fondamentali del processo riabilitativo visivo è che esso deve essere gestito da un équipe di operatori.

Come si compone l'équipe?

· L'oftalmologo: per la valutazione medica, diagnosi e prognosi.
· L'ortottista: per la valutazione ortottica e refrattiva.
· L'ottico.
· Lo psicologo.
· Il terapista dell'ipovisione (che può essere l'oftalmologo stesso): per l'istruzione, l'adattamento, la riabilitazione e il follow-up.
· L'istruttore, per l'orientamento e la mobilità.
· L'assistente sociale.